Disinformazione
Birthers: la storia del complotto sulla nascita di Obama

In poche parole
I birthers sono persone che credono che Obama non sia nato negli USA. Negli Stati Uniti non puoi diventare Presidente se sei nato in un altro Paese, quindi hanno usato questa teoria per screditarlo durante la campagna elettorale.

La storia

L’anno prima che Obama diventasse il Presidente degli Stati Uniti circolarono teorie sulla possibilità che non fosse nato negli USA. Le voci partivano da siti di parte conservatrice che volevano ostacolare la campagna elettorale di Obama.
Per togliere ogni dubbio, Obama rilasciò il suo certificato di nascita in forma ridotta, ma le opinioni delle persone convinte della storia non cambiarono. Alcuni di loro sostennero che il certificato fosse ritoccato con Photoshop per modificare la realtà dei fatti.

Trump e i birthers

Donald Trump fu dalla parte dei “birthers”, ossia le persone che non credevano ad Obama. In molte interviste fece insinuazioni a riguardo, espandendo la portata del caso. Nel 2010, secondo una ricerca della CNN, solo il 42% degli intervistati credeva che l’ex Presidente fosse nato negli Usa, mentre l’11% di loro era convinto che fosse nato in un’altra nazione. Tra questi, per entrambe le fazioni, la maggior parte erano Repubblicani.

via GIPHY

Le insinuazioni non si fermarono. Trump continuò a sottolineare il fatto che nella storia qualcosa non tornasse e in un’intervista disse che aveva mandato degli investigatori alle Hawaii per scoprire la verità.
Nel 2011, viste le ormai insistenti richieste da parte dei Birthers, Obama rilasciò il suo certificato di nascita completo. Nemmeno questo però fece cambiare idea a tutti. Trump non mise più in discussione il luogo di nascita di Obama, ma secondo un sondaggio il 13% degli intervistati – tra cui un Repubblicano su quattro – continuò a non esserne certo.

Questo è un esempio di come le nostre opinioni personali possano plasmare quello che riteniamo “vero” o “falso” anche davanti all’evidenza. Quindi un esempio di post-verità.

Twitter e i complottisti di QAnon

Twitter e i complottisti di QAnon

Chi sono i complottisti di QAnon? QAnon è un profilo anonimo che pubblica dal 2017 dei messaggi su 4chan per "risvegliare" le persone dai complotti della politica americana. Le sue teorie vengono chiamate The Storm o The Great Awakening e hanno molte affinità a quelle...

leggi tutto
Perché siamo vulnerabili alla misinformazione? Parte 1

Perché siamo vulnerabili alla misinformazione? Parte 1

First Draft ha pubblicato un articolo per spiegare come la psicologia possa influenzare la nostra predisposizione alla misinformazione. Questi sono i concetti da conoscere per evitare di cadere nelle fake news:  La semplificazione cognitiva;La teoria...

leggi tutto
I social media, la politica e le fake news

I social media, la politica e le fake news

Nel Digital News Report del Reuters Institute di questo anno c'è una sezione dedicata al modo in cui le persone vorrebbero essere informate sulla politica.A diversi intervistati sono state fatte domande come: I media devono segnalare le dichiarazioni false dei...

leggi tutto